|

Studi Clinici

Il professor Neil B Piller ha dimostrato che l'utilizzo regolare di un dispositivo per massaggio determina una significativa riduzione del gonfiore tessutale nel linfedema secondario.

In uno studio clinico recente,  “Results of a Clinical Trial of a Cycloid Vibratory Hand Held Massage Unit for Chronic Arm Lymphoedema”, condotto su 30 pazienti affetti da Linfedema secondario, il professor Neil B Piller dimostra come l'utilizzo regolare di un dispositivo massaggiatore determini una significativa riduzione del gonfiore tessutale.

I pazienti affetti da linfedema da 30 mesi, e con una differenza media di volume fra l'arto affetto e quello sano di 600 ml, sono stati dotati di uno strumento manuale per massaggi cicliodi ed istruiti su un programma terapeutico giornaliero per la rimozione dei liquidi tessutali nelle regioni degli arti e del tronco. I progressi della condizione sono stati monitorati prima del trattamento ed alla fine di ogni ciclo settimanale, per la durata totale di un mese di terapia.

I risultati hanno mostrato una riduzione del 5,7 % nel volume dei liquidi tessutali  già alla fine della prima settimana di trattamento. Nel corso della terapia si è osservato inoltre l'arresto del processo di indurimento fibrotico dei tessuti ed una significativa riduzione della sensazione di pesantezza degli arti, del gonfiore ed un aumento del 20 % nella libertà di movimento.

Il professor Neil Piller della Flinders University (Australia) fonda la Lymphoedema Assessment Clinic nel 1993, una struttura specializzata nella diagnosi differenziale del Linfedema  che fornisce ai pazienti i trattamenti appropriati per la cura della loro patologia.

Le sue attività si concentrano sulla determinazione dell'efficacia dei trattamenti domiciliari e dell'esercizio fisico riabilitativo nel caso dei pazienti affetti da Linfedema Secondario. Inoltre è impegnato nello sviluppo di dispositivi biomedici che sfruttano gli effetti delle Vibrazioni Cicliodali nella terapia dei sintomi del linfedema.